JASIT in Austenland – Quarta parte

Pubblichiamo oggi la quarta e ultima parte delle cronache di viaggio dei Soci JASIT, Sulle orme di Jane Austen, che, lasciato lo Hampshire, si trovano a Bath, la cittadina del Somerset in cui la presenza di Jane Austen è quanto mai viva, sia perché vi abitò dal 1801 al 1806, sia perché due dei suoi romanzi, L’abbazia di Northanger e Persuasione, sono ambientati lì.
Accompagnati dalla Presidente Silvia Ogier e dalla simpatica e preparatissima guida italo-inglese Roberto Di Gioacchino, i Soci concludono qui il viaggio che vi abbiamo raccontato nella Prima, nella Seconda e nella Terza parte delle cronache, pubblicate nei giorni scorsi.

Sesta giornata

Continua a leggere

JASIT in Austenland – Terza parte

Nel giorno del Bicentenario della morte di Jane Austen arriviamo con la cronaca del viaggio sociale di JASIT, Sulle orme di Jane Austen, a Winchester – la città il cui la scrittrice morì e nella cui Cattedrale riposano le sue spoglie mortali – per rivivere la forte commozione nel trovarsi a cospetto di quella lapide.
I Soci, accompagnati dalla Presidente Silvia Ogier e dall’attenta e impeccabile guida italo-inglese Roberto Di Gioacchino, hanno già vissuto quattro giornate intense di emozioni che potrete ripercorrere nella Prima e nella Seconda parte delle cronache già pubblicate.

Quinta giornata

Continua a leggere

JASIT in Austenland – Seconda parte

Continuano le cronache di viaggio dei ventisette Soci JASIT Sulle tracce di Jane Austen, capitanati dalla Presidente Silvia Ogier e condotti magistralmente per mano dalla guida italo-inglese Roberto di Gioacchino.

Quarta giornata

La comitiva si reca oggi in pellegrinaggio nel luogo di nascita di Jane Austen, nel profondo della campagna dello Hampshire, a Steventon, in cui la scrittrice vide la luce il 16 dicembre 1775. Nulla è rimasto di quella che era la canonica, neanche la pompa dell’acqua che ha resistito fino a pochi anni fa.
Fu il fratello di Jane Austen, Edward Austen Knight, a far buttare giù la casa, danneggiata malamente da un’alluvione, e a farne ricostruire una poco distante per il figlio, William Knight, divenuto parroco nel 1823. Continua a leggere

JASIT in Austenland – Prima parte

Dal 19 al 25 giugno 2017, poco meno di un mese prima del Bicentenario della morte di Jane Austen, la Jane Austen Society of Italy è volata in Inghilterra alla volta di Austenland per il primo viaggio sociale. Sulle tracce di Jane Austen.
I Soci partecipanti, 27 in tutto, sono partiti da tre diversi aeroporti italiani, Bologna, Roma e Milano, accompagnati dalla Presidente Silvia Ogier, da Giuseppe Ierolli e da Gabriella Parisi, e si sono incontrati nell’Aeroporto londinese di Heathrow, dove hanno trovato la preparatissima guida italo-inglese Roberto Di Gioacchino, che li ha accompagnati per tutto il viaggio in modo estremamente competente.

Prima giornata

La prima tappa londinese è la British Library, dove molti tesori austeniani sono custoditi.
Purtroppo, però, si può visionare (senza fotografare!) soltanto il Volume the Third degli Juvenilia, aperto sulla pagina di Catherine, or the Bower, in quanto lo scrittoio portatile e gli altri oggetti sono in restauro, mentre i due capitoli cancellati di Persuasione e la Storia d’Inghilterra con i disegni di Cassandra sono in prestito a Winchester − la città in cui la scrittrice morì − per una mostra che il gruppo visiterà più in là nel viaggio.
Tuttavia è possibile sfogliare una copia virtuale della Storia d’Inghilterra, oltre a poter visionare altre meraviglie della Letteratura di ogni tempo, fino ad arrivare ai testi scarabocchiati delle canzoni di John Lennon. Continua a leggere

Sulle tracce di Jane Austen: il viaggio dei Soci JASIT in Austenland

I compleanni dei romanzi austeniani quest’anno assumono, se possibile, un valore aggiunto perché si inseriscono in quello che si può considerare il Bicentenario dei Bicentenari: il 2017, infatti, segna i duecento anni dalla morte di Jane Austen, avvenuta a Winchester la mattina del 18 luglio 1817. Nel ricordare la prima pubblicazione delle sue opere in questi 12 mesi, dunque, la ricorrenza che sembra racchiuderle tutte ci offre l’ispirazione a collegare questi traguardi letterari ancora più strettamente alla vicenda umana dell’autrice.

Oggi, 28 gennaio, è il primo dei compleanni eccellenti perché è il giorno della prima pubblicazione di Pride and Prejudice (Orgoglio e Pregiudizio).
Per celebrare nel migliore dei modi il darling child dell’autrice nell’anno del Bicentenario della sua morte, ma anche per festeggiare il quarto anno di attività di JASIT, nata proprio sotto questa stella luminosa, abbiamo pensato ad un regalo speciale, che ci permetta di immergerci nel mondo di Jane Austen.

foto: Petra Zari, 2012

Nel mese di giugno, infatti, avremo l’opportunità di visitare i luoghi più significativi di Austenland grazie ad un viaggio sociale che si svolgerà in Inghilterra dal 19 al 25 giugno 2017. Andremo a Londra, Alton, Chawton, Steventon, Winchester e Bath per ripercorrere la vita e l’opera di Jane Austen seguendone le tracce nella sua terra natia.

Scopri i dettagli e parti con noi alla scoperta di Austenland!

Continua a leggere

Vincitori Giveaway
Blog Tour “Welcome to Austenland”!

giveaway winnersCari Soci e Lettori,

eccoci arrivati al gran giorno del Blog Tour “Welcome to Austenland”, oggi vi sveliamo i cinque vincitori del giveaway finale, che riceveranno a casa una copia di Jane Austen: i luoghi e gli amici di Constance Hill, con le illustrazioni della sorella Ellen.
Prima di annunciare i vincitori ci preme ringraziare i dieci blogger che ci hanno ospitati in questo viaggio virtuale in Austenland:

– La Leggivendola –
– Coffee & Books –
– La Fenice Book –
– L’Ora del Libro –
– Del Furore di aver Libri –
– Bostonian Library –
– Le Mele del Silenzio –
– La Tana di una Booklover –
– Dusty pages in Wonderland –
– Peek a Book –

Banner-Welcome-to-Austenland-smallla casa editrice Jo March che ci ha supportato in questa iniziativa e, soprattutto, tutti, ma proprio tutti i partecipanti al Blog Tour che hanno condiviso con entusiasmo il giveaway. Grazie!

Ora spazio ai cinque vincitori estratti tramite il sistema di random.org. Continua a leggere

JASIT e Jo March presentano:
“Welcome to Austenland Blog Tour”

Banner-Welcome-to-AustenlandCari Soci e Lettori di JASIT,

quest’oggi vi presentiamo un’iniziativa resa possibile grazie alla collaborazione con la casa editrice Jo March e pensata per voi, lettori e sostenitori della Jane Austen Society of Italy, con l’intento di premiare l’entusiasmo e la partecipazione con cui ci seguite e magari allargare il contagio positivo nel vasto oceano del web.

Sono passati quasi due anni dal 16 dicembre 2013, 238° compleanno di Jane Austen e giorno in cui la casa editrice Jo March pubblicava la prima edizione italiana di Jane Austen: i luoghi e gli amici, prezioso volume riscoperto e tradotto da noi di JASIT e diario di viaggio scritto e disegnato dalle sorelle Constance ed Ellen Hill, oggi, una testimonianza e una “guida” cara a ogni Janeite che lo abbia letto.
Certi del valore e dell’utilità dei contenuti del libro, abbiamo deciso di rinnovare il passaparola tra i lettori organizzando un vero e proprio Blog Tour coinvolgendo i blogger più sensibili al tema “Austen” e che, non dubitiamo, vi convinceranno a seguirci in questo viaggio virtuale sulle orme delle scrittrice inglese…

SIETE TUTTI INVITATI AL BLOG TOUR “WELCOME TO AUSTENLAND”! Continua a leggere

Speakers’ Corner n.3 – I Ricordi di Viaggio in Austenland a portata di mano

Care lettrici e cari lettori, nonché viaggiatrici e viaggiatori,
come anticipato e promesso all’inaugurazione, abbiamo raccolto i Ricordi di Viaggio in Austenland del nostro Speakers’ Corner n.3 in un… taccuino elettronico, impreziosito dalla copertina di Petra Zari.

Speakers-Corner-3

Potete scaricarlo gratuitamente nel formato PDF da questo collegamento:

Speakers’ Corner n.3 – Ricordi di Viaggio in Austenland

Questa raccolta resterà sempre a disposizione nella nostra pagina Pubblicazioni, nella sezione Pubblicazioni originali JASIT – Speakers’ Corner, dove trovate anche i numeri precedenti.

A questa terza edizione dello Speakers’ Corner (che è ormai diventato una tradizione di JASIT, sempre desiderosa di ascoltare la vostra voce) hanno contribuito, nell’ordine: Luana Solla, Raffaella Amicucci, Alessandra Quattrocchi, Silvia Carnevale, Catia Boetti, Roberta Zanasi, Romina Angelici, Anna Carini, Valeria Altiero.

Buona lettura, Buon viaggio e alla prossima edizione!


Le raccolte PDF delle edizioni precedenti dello Speakers’ Corner di JASIT
Speakers’ Corner n.1 – Riflessioni su Jane Austen
Speakers’ Corner n.2 – Da Elizabeth a Fanny: il variegato universo delle giovani donne di Jane Austen

Tutti i post dello Speakers’ Corner n.3 su jasit.it

Pagina Pubblicazioni JASIT

Speakers’ Corner n. 3 – Ricordi di viaggio in Austenland – fine lavori

Speakers-Corner-postCare lettrici e cari lettori, nonché viaggiatrici e viaggiatori,

siamo giunti al termine della condivisione dei diari di viaggio e delle foto delle Janeite che hanno visitato i luoghi di Jane Austen durante le vacanze. Le ringraziamo per aver sfruttato al meglio l’angolo di blogosfera a disposizione (mille parole) per raccontare i loro “Ricordi di viaggio in Austenland”. Nel giro di questi ultimi quattro giorni, grazie ai loro contributi, abbiamo potuto visitare Chawton, Winchester, Lyme Regis, Bath, Londra, da un punto di vista privilegiato, guidato dalle loro esperienze e considerazioni.

Di seguito trovate i link agli articoli che hanno reso vivo e interessante il nostro viaggio, e che presto raccoglieremo nel fascicolo dedicato a questo Speakers’ Corner n.3:

Chawton-House-esterni-300x300

Ringraziamo ancora coloro che hanno accolto il nostro invito, e anche chi ha partecipato o vorrà partecipare al dibattito nei commenti.

Speriamo di poter ripetere presto questa stimolante esperienza!

Diario da Chawton

Qualche pagina del diario di Valeria Altiero direttamente da Chawton.

Chawton, 5 aprile 2015, Domenica di Pasqua

Foto di Valeria Altiero

Foto di Valeria Altiero

Caro Diario,
ogni giorno di questo viaggio in Inghilterra sembra essere il più bello ma poi vedo cose e visito luoghi che mi lasciano sempre più senza parole!
Quando ho progettato questo itinerario sentivo di me che avevo bisogno di vedere da vicino i luoghi dei miei idoli letterari e così, nonostante le distanze e i tempi stretti, mi sono avventurata con la mia famiglia nei panorami mozzafiato del Lake District per vedere quello che Beatrix Potter scriveva nei suoi racconti e dipingeva nei sue disegni; siamo poi passati nell’Inghilterra Tudor di Stratford Upon Avon per avvicinarci anche solo minimamente alle origini del genio poetico di Shakespeare ed infine oggi siamo stati nell’Hampshire per “chiudere il cerchio” completando il percorso nell’Austenland e avere l’occasione unica (e spero ripetibile!) di poter mettere, con l’immaginazione, indietro le lancette del tempo a più di cento anni fa e di andare alla presenza di Miss Austen!!
Oggi ti scriverò, quindi, principalmente di emozioni, quelle vere, forti e incomparabili che ho provato visitando la casa in cui abitò Jane Austen a Chawton per circa 8 anni.
Durante tutta la visita non potevo credere di essere veramente lì!
Un sogno che si realizza… in mente mi dicevo: ma ti rendi conto che finalmente sei a casa “sua”? Ho aperto la porta e ho varcato la soglia non di una stanza ma di una vita, purtroppo breve, ma grande e unica!

Foto di Valeria Altiero

Foto di Valeria Altiero

Qui mi rendo conto che Chawton è davvero l’ombelico del mondo, il punto di partenza ma anche di arrivo dei viaggi alla ricerca di Jane. È qui che ella vive e vivrà per sempre.
Dentro di me un turbinio di emozioni. Divento improvvisamente “ladra” e con i miei sensi cerco di catturare tutto: i miei occhi vedono quello che fino ad ora ho letto solo sulle pagine dei libri, il mio naso annusa gli odori del giardino e dei sacchetti di lavanda posti sul tavolo della cucina, le mie orecchie ascoltano la musica come se Jane fosse lì a suonare il suo pianoforte, la mia bocca esulta all’ingresso nella cucina immaginando chissà quali prelibatezze ed infine le mie mani, che non toccano nulla per non sciupare, ma che fremono e vorrebbero immediatamente prendere parte alla vita della casa del tempo.
Ho cercato di dipingere tutto nella mia memoria così che ogni dettaglio abbia il suo posto e possa rimanermi a lungo impresso.
Cosa mi ha colpito di più? Un po’ tutto… ma forse il tavolino, perché so che ha contribuito alla creazione di parole che ancora oggi viaggiano nel tempo senza sosta. Ma non posso non pensare alla bellezza di tutti gli arredi, degli oggetti personali, del letto,dei quadri… e di tutta la calda atmosfera che regna nel cottage.
È incredibile ma questa casa è davvero il fulcro di tutto: è il luogo, lo spazio e il tempo, dimora di questa memorabile scrittrice e della vita tramandata dalle sue lettere, dai romanzi e dalle memorie di chi l’ha conosciuta.

Foto di Valeria Altiero

Foto di Valeria Altiero

Qui a Chawton ho trovato tutto l’universo mondo austeniano perché ogni oggetto può ricondurti lei e alla sua esistenza di donna e scrittrice… e soprattutto alle gioie e dolori della sua vita di ogni giorno.
Se Jane fosse stata vicino a me le avrei detto: “Grazie per le parole che ci hai regalato e per le storie che ci hai raccontato. I tuoi personaggi fanno parte della nostra cerchia di amici e a casa tua ci sentiamo un po’ a casa nostra. Continueremo a sorridere e piangere con i tuoi romanzi… ma soprattutto grazie per le sensazioni che ci fai provare ogni volta che ci avviciniamo a qualcosa che riguarda te. Sono proprio queste le emozioni di cui abbiamo bisogno per sentirci vive e per continuare ad amare e a sognare.”