My Austenland

Anche Anna Carini condivide con noi la sua esperienza in Austenland, in compagnia della famiglia.

Il mio primo viaggio in Austenland si è svolto nell’anno di grazia 2012.
Con marito e figlia ci siamo recati a Chawton, Lyme Regis e Bath ed è stata un’esperienza unica per tutti e tre, e per me un sogno che si è avverato.
La visita di Chawton mi ha deliziato in ogni modo possibile a cominciare dal clima: siamo stati accolti da una splendida giornata di sole e catapultati in pieno periodo Regency. Il cottage ha regalato una quantità di sensazioni diverse: abbiamo immaginato di viaggiare sul piccolo donkey carriage degli Austen, siamo stati inebriati dai profumi del giardino in primavera (menta, liquerizia e altre piante officinali), incuriositi dalla cucina con il laboratorio di scrittura con penna d’oca e satura del profumo emanato dal recipiente con la lavanda del giardino, affascinati dalla visita del cottage (in particolare dalle croci di topazio di Jane e Cassandra, dalla ciocca di capelli della zia Jane e infine dal mitico tavolino vista strada). Il tavolino ha evocato visioni di tutti i tipi: Jane che scriveva e sorrideva maliziosamente dei suoi stessi pensieri, ancora Jane che si distraeva dal suo lavoro e osservava la carrozza per Winchester che transitava lungo la strada… Comunque a parte la fervida immaginazione, la mia sensazione più forte è stata quella che il luogo avesse un’aura particolare e che da un momento all’altro, entrando in una stanza qualsiasi, avrei visto materializzarsi qualche membro della famiglia Austen.

Foto di Anna Carini

Foto di Anna Carini

Lyme ci ha regalato un’altra meravigliosa giornata di sole. Abbiamo fatto una passeggiata, scendendo dal parcheggio fino al centro e respirando l’aria fortemente salmastra dell’Atlantico. Il piccolo museo di Lyme con una vetrina dedicata a Jane, ci ha impegnato fino all’ora di pranzo; anche i fossili hanno il loro fascino e non va dimenticato che la costa è nota come “costa dei dinosauri”; purtroppo non abbiamo potuto cimentarci nella ricerca personale dei fossili (avendo mal considerato un dettaglio del tutto insignificante quale la marea…). Nel pomeriggio abbiamo visitato il piccolo museo del mare situato nella zona adiacente il Cobb (ed utilizzato nelle riprese del film BBC Persuasione del 1995, dove era adibito ad abitazione degli Harville) e abbiamo percorso il Cobb in lungo ed in largo, sfidando la fortuna sui Granny’s Teeth e percorrendo il lungomare costellato da una quantità di casette colorate. Intanto, lungo tutto il percorso, la mia mente vagava su stralci di Persuasione, rammaricandomi di non aver abbastanza tempo per visitare i dintorni di Lyme.

Foto di Anna Carini

Foto di Anna Carini

Bath è stata l’ultima tappa del nostro itinerario austeniano. L’abbiamo visitata seguendo l’audioguida (“In the footsteps of Jane Austen” reperibile al seguente link http://channels.visitbath.co.uk/janeausten/audio-tour, proposta dal Jane Austen Centre) e che ci ha condotto nei luoghi più suggestivi. Siamo partiti dal centro con la sua Abbey Church, le terme romane e la Pump Room (ora una sala da thè), proseguendo con il Pulteney Bridge, Laura Place (“le cugine Dalrymple! le nostre cugine Dalrymple!” Ah! Come non evocare gli Elliot adoranti!), Great Pulteney Street (dove ho cercato di indovinare dove vivessero i signori Allen) e l’arcinoto nr.4, Sidney Place, luogo in cui gli Austen hanno vissuto per quattro anni. La visita è proseguita con il Jane Austen Centre (paradiso di tutti gli appassionati con tanti libri e gadget di ogni tipo), dove abbiamo perfino provato cappellini e ci siamo pavoneggiate con i parasoli (divertimento puro; prima o poi proverò l’ebbrezza di un abito Regency!). E poi Union Street, il gravely walk (dove Anne ed il Capitano Wentworth si rinnovano le promesse), il Royal Crescent, il Circus e le Assembly Rooms (ho sognato di danzare lì almeno un milione di volte!), Milsom Street e Camden Place (ora troppo trafficata e caotica, ma dalla quale si gode un panorama mozzafiato su Bath). La cittadina meriterebbe comunque una visita articolata su due giornate: c’è davvero tanto da ammirare e una sola giornata non le rende giustizia.

Foto di Anna Carini

Foto di Anna Carini

Dopo quel meraviglioso primo viaggio, siamo tornati l’anno successivo nel Regno Unito, dedicandoci ad un itinerario “cinematografico” nel Peak District e a Stoneleigh Abbey e nuovamente in pellegrinaggio a Chawton lo scorso anno (per poter vedere anche Chawton House) e rinverdire i ricordi; questa nuova visita ha creato un ulteriore legame (pare che Chawton sia come una droga, che però produce endorfine e crea una sana dipendenza!). Ad ogni modo l’emozione della prima visita non si dimentica mai!
Il prossimo itinerario presumo potrà essere la Cornovaglia e credo che, partendo da Londra in auto, una ulteriore visita a Chawton non sia da escludere.
Un ultimo pensiero: sono particolarmente grata ai miei famigliari che hanno sempre assecondato i miei deliri austeniani ed hanno partecipato con entusiasmo agli itinerari che proponevo e propinavo loro: è sempre un piacere viaggiare con voi!

Commenta con Facebook

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*